× Home Diocesi Albo Pretorio Storia della Diocesi Cronotassi della Diocesi Vescovo Mons. Giovanni Checchinato Stemma ed Esegesi Araldica Omelie e Interventi Omelie Interventi Vescovo Emerito Curia Vicario Generale Vicario Giudiziale Vicari Foranei Vicaria Urbana Vicaria Nord-Est Vicaria Nord-Ovest Cancelleria Cancelleria Nomine Decreti Organi Consultivi Amministrazione Uffici Pastorali Coordinatore degli Uffici Pastorali Ufficio per l'Evangelizzazione e la Catechesi Ufficio Liturgico Ufficio per la Pastorale della Carità e dei Migranti Carceri Ufficio per la Pastorale Sanitaria Ufficio per la Pastorale Vocazionale Associazioni, Movimenti e Gruppi Ecclesiali Ufficio per la Pastorale della Famiglia Ufficio per la Pastorale Giovanile e Oratori Ufficio Missionario e la Cooperazione tra le Chiese Ufficio per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso Ufficio per la Pastorale Scolastica e della Cultura Pastorale Sociale e del Lavoro Ufficio per le Comunicazioni Sociali Confraternite Clero Presbiterio Presbiteri Deceduti dal 2000 ad oggi Capitolo Cattedrale Vita Consacrata Settore Vita Consacrata Istituti Religiosi Parrocchie Testimoni di Fede Don Felice Canelli Venerabile Don Felice Canelli Articoli Fiamma Viva Documenti Utili Iniziative ed Eventi Don Francesco Vassallo Servo di Dio Don Francesco Vassallo Documenti Utili Padre Matteo d'Agnone Missione in Benin Missionari Fidei Donum Storia della Missione Missione di Cotiakou Missione di Wansokou NOTIZIE ALBUM FOTO LOCANDINE CONTATTI MODULISTICA Verso la Venerabilità del Servo di Dio Don Felice Canelli Oltre la Porta RENDICONTO 8xmille

03 Aprile 2022

parola alla Parola – DOMENICA 03/04/2022

Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?… Gesù, riparte da due domande che interpellano profondamente la vita di questa donna. Due domande che liberano dal peso del giudizio di occhi indiscreti e di parole taglienti. Domande, che fanno prendere consapevolezza a questa donna, e in lei a ciascuno di noi, che noi siamo più dei nostri fragili limiti, che noi tutti siamo feriti e feritori, ma proprio per questo guariti e guaritori. Destinatari di un futuro che si gioca sulla fiducia accordataci e riaccordataci ogni volta, non per pura “estorsione”, ma perché toccati da quella logica di amore divino, che ci apre al futuro di una possibilità ancora da scrivere e di una storia che sempre possiamo cambiare. Allora anche noi, come quella donna, riprendiamo in mano la nostra storia e facciamone molto di più… Buona domenica