× Home Diocesi Storia della Diocesi Cronotassi della Diocesi Vescovo Emerito Vescovo Mons. Giovanni Checchinato Stemma ed Esegesi Araldica Episcopato Omelie Interventi Agenda Curia Vicario Generale Cancelleria Organi Consultivi Settore Giuridico Amministrazione Uffici Pastorali Ufficio per l'Evangelizzazione e la Catechesi Ufficio Liturgico Ufficio Missionario e la Cooperazione tra le Chiese Ufficio per la Pastorale Giovanile e Oratori Ufficio per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso Ufficio per la Pastorale Vocazionale Ufficio per la Pastorale della Carità e dei Migranti Ufficio per la Pastorale della Famiglia Carceri Ufficio per la Pastorale Sanitaria Associazioni, Movimenti e Gruppi Ecclesiali Confraternite Pastorale Sociale e del Lavoro Ufficio per le Comunicazioni Sociali Ufficio per la Pastorale Scolastica e della Cultura Clero Vita Consacrata Settore Vita Consacrata Istituti Religiosi Parrocchie Testimoni di Fede Don Felice Canelli Don Francesco Vassallo Padre Matteo d'Agnone Missione in Benin Missionari Fidei Donum Storia della Missione Missione di Cotiakou Missione di Wansokou NOTIZIE ALBUM FOTO LOCANDINE CONTATTI MODULISTICA Oltre la Porta

Don Felice Canelli

Don Felice Canelli nacque a San Severo (Fg), il 14 ottobre 1880 da Gabriele e da Teresa Marchitto; il 17 ottobre ricevette il Santo Battesimo e la Cresima nella Parrocchia Cattedrale. All’età di 7 anni rimase orfano di padre. Aveva 8 anni quando ricevette per la prima volta la Santa Eucaristia; a 12 anni, nell’ottobre 1982, indossò l’abito sacro ed entrò in Seminario. Ricevette l’Ordinazione Sacerdotale da Sua Ecc.za Mons. Bonaventura Gargiulo, il 6 giugno 1903.

L’instancabile attività apostolica lo vide animatore di vita cristiana in ogni campo di apostolato. Nell’opera pastorale privilegiò la gioventù bisognosa, sia materialmente che spiritualmente. Don Felice fu sempre attento anche alla vita sociale: fu lui ad invitare don Romolo Murri e don Luigi Sturzo a tenere delle conferenze ai giovani e al popolo. Anticipando le istanze del Concilio Vaticano II, valorizzò l’apostolato dei laici per permeare di valori cristiani la società. Verso la fine della vita, don Felice farà la sua confessione: “Ho rubato a don Bosco l’amore per i giovani; a San Francesco di Sales il desiderio della dolcezza; a San Francesco d’Assisi l’amore alla povertà”. Don Felice partì per la Casa del Padre la sera del 23 novembre 1977: aveva 97 anni! Il suo corpo rimase per due giorni esposto alla venerazione dei fedeli che, numerosi, accorsero per venerare i suoi resti mortali.

Nel 2000 Mons. Michele Seccia, rese noto a tutti i vescovi della Puglia il suo intento di voler aprire l’inchiesta diocesana per l’accertamento delle virtù eroiche di Don Felice Canelli. Il 13 Aprile 2006, Giovedì Santo, durante la Messa Crismale, ancora Mons. Seccia comunicava a tutti i fedeli di aver inoltrata alla Santa Sede la richiesta del “nulla osta” per poter iniziare il processo diocesano. Il decreto di approvazione arrivò il 22 giugno 2006. Da quel giorno noi possiamo così esprimerci: Il Servo di Dio Don Felice Canelli. Il 5 aprile del 2007, S. Ecc.za Mons. Lucio Angelo Renna ha nominato i membri del Tribunale per la causa di Beatificazione e Canonizzazione del Servo di Dio Don Felice Canelli.

L’inchiesta diocesana si è aperta il 25 marzo del 2009 e si è chiusa il 30 novembre 2013. Dal 2015 al 2019 è stata redatta e consegnata la Positio. Il 29 settembre 2020 il Collegio dei Consultori Teologi della Congregazione delle Cause dei Santi si pronuncerà su di essa.

INIZIATIVE ED EVENTI