× Home Diocesi Albo Pretorio Storia della Diocesi Cronotassi della Diocesi Vescovo Mons. Giovanni Checchinato Stemma ed Esegesi Araldica Episcopato Omelie Interventi Vescovo Emerito Curia Vicario Generale Vicario Giudiziale Cancelleria Organi Consultivi Amministrazione Uffici Pastorali Ufficio per l'Evangelizzazione e la Catechesi Ufficio Liturgico Ufficio per la Pastorale della Carità e dei Migranti Carceri Ufficio per la Pastorale Sanitaria Ufficio per la Pastorale Vocazionale Associazioni, Movimenti e Gruppi Ecclesiali Ufficio per la Pastorale della Famiglia Ufficio per la Pastorale Giovanile e Oratori Ufficio Missionario e la Cooperazione tra le Chiese Ufficio per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso Ufficio per la Pastorale Scolastica e della Cultura Pastorale Sociale e del Lavoro Ufficio per le Comunicazioni Sociali Confraternite Clero Presbiteri Capitolo Cattedrale Vita Consacrata Settore Vita Consacrata Istituti Religiosi Parrocchie Testimoni di Fede Don Felice Canelli Don Francesco Vassallo Padre Matteo d'Agnone Missione in Benin Missionari Fidei Donum Storia della Missione Missione di Cotiakou Missione di Wansokou NOTIZIE ALBUM FOTO LOCANDINE CONTATTI MODULISTICA Verso la Venerabilità del Servo di Dio Don Felice Canelli Oltre la Porta RENDICONTO 8xmille 2019

Verso la Venerabilità del Servo di Dio Don Felice Canelli

ADORAZIONE EUCARISTICA VOCAZIONALE (MENSILE)
ARTICOLI E CURIOSITÀ

Don Felice e la fede nella divina Provvidenza

Don Felice aveva molto chiara la dimensione sociale del Vangelo che lo portava quotidianamente a confrontarsi con il volto degli altri specie se poveri, a lasciarsi interpellare dal loro dolore, dalle loro richieste e dal realismo della loro difficile esistenza. Egli era totalmente affidato al Signore Gesù dal quale prendeva…

CONTINUA A LEGGERE

Don Canelli e l’orologio del Re

Don Felice, fedele al comandamento dell’amore: “Ama Dio con tutte le tue forze e il prossimo come te stesso”, viveva in prima persona i drammi della sua gente e soccorreva tutti i poveri e i dimenticati che andavano a bussare alla sua porta. Il numero delle cambiali che aumentavano giorno…

CONTINUA A LEGGERE

Quella notte che don Canelli passò in prigione

Chiunque, tra la gente del luogo e fuori città, avesse la fortuna di conoscere don Canelli restava fortemente attratto dalla sua personalità: uomo dalla statura minuta ma forte come un leone nell’alzare la voce (segno di uno spirito forte che non ammetteva compromessi) per difendere i più bisognosi; sorridente e…

CONTINUA A LEGGERE